CSA Depistaggio

Tuesday, Sep 17th

Last update08:05:09 AM GMT

RSS Feed
You are here: Agenda

Eventi

TELEGRAPH in concerto //Miranda//Francesca//Galasso

  • PDF

007Telegraph è un trio composto da Giovanni Francesca, Dario Miranda ed Aldo Galasso ed è il frutto di una nostra collaborazione ormai decennale.

La nostra musica, difficile da catalogare, trae spunto da esperienze rock, jazz, di musica classica esperimentazione, il tutto integrato con live electronics. Il progetto è il risultato di sedute di improvvisazione, da cui abbiamo estrapolato melodie che sono diventate spunti per la creazione di atmosfere visionarie e ipnotiche. Registrato i primi di Agosto, l'album è stato impreziosito dal missaggio di Luca Bulgarelli.

Il disco, uscito ad Aprile 2011 per l' etichetta inglese "LeoRecords", è stato accolto con grande entusiasmo dalla stampa specializzata internazionale ( All About Jazz-USA, JazzLondon -UK, Bad Alchemy-DE, JazzFlits-HOL,...).

//Dario Miranda: contrabbasso, basso elettrico//Giovanni Francesca: chitarra//Aldo Galasso: batteria, percussioni//

Prima del concerto sarà proiettato il cortometraggio:
Carbone Doro
per la regia di Andrea Cocca
da un'idea dei Cortometristi

aQustico//Luca Aquino, Carmine Ioanna

  • PDF

006Disco dopo disco Luca Aquino costruisce la sua storia fatta di lavori interessanti e per nulla scontati. Il trombettista beneventano ha un suono tutto suo, melodioso, riconoscibile al primo ascolto, fatto di un percettibile vibrato, di note rarefatte che non trovano una conclusione, come ibernate nel tempo in attesa che arrivino quelle seguenti: tratti scandinavi per un musicista mediterraneo. aQustico è il suo quinto progetto discografico e senza dubbio il più riuscito. Chiude il cerchio di un'evoluzione professionale e artistica protesa nel cercare una propria dimensione sonora e progettuale all'interno di un mondo, quello del jazz, dalla cui matrice si sviluppano direttrici indefinite, linguaggi fatti di dialetti musicali che Aquino sintetizza attraverso la lente della sua idea di musica e contaminazione. aQustico ha come base il tradizionale quartetto di jazz, a cui si aggiunge la fisarmonica a scompaginare il gioco attraverso notazioni folk e tempi tradizionalmente fuori dal jazz. Il mondo di Aquino è questo e non può essere diversamente, perchè è quello che lo porta in giro per il mondo e gli permette di suonare con musicisti che amano altre sonorità , atmosfere e mondi, che sono quelli rarefatti e impalpabili del nord di un'Europa che esplora, prova e trova nuove vie. Stabilmente nelle presentazioni di aQustico che si susseguono, Luca Aquino è accompagnato da Carmine Ioanna, fisarmonicista irpino, che lo stesso Aquino definisce così:"Tra gli artisti dai quali ho ricevuto bellezza, di certo c'e' il musicista col quale sto collaborando, Carmine Ioanna. È il fisarmonicista col quale presenterò domani l'album, che abbiamo registrato insieme. È un musicista particolare, molto viscerale perché ha sangue Rom nelle vene, oltre ad essere una persona sveglia e intelligente. Lui ha capito che bisogna lavorare al top, ma sempre con i piedi per terra."

//Luca Aquino: tromba e flicorno//Carmine Ionna: fisarmonica//

Francesco Villani Trio // Il Premio di Consolazione new album

  • PDF

fv-2Comincia lo studio del pianoforte a quattro anni e quello della composizione a tredici.

Figlio d'arte, nasce nel teatro e nella musica grazie alla collaborazione trentennale del padre Virgilio con il Maestro Roberto De Simone.

Vince nel 2007 il "Premio Musica News", Marwin "Smitty" Smith, Robert Fripp, Trilok Gurtu, Kirk Lightsey, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Diane Schuur, Al Di Meola, John Arnold sono alcuni dei vincitori delle scorse edizioni.

Anime (Just1 Records/Universo/Warner), suo primo cd da solista, comprende i brani dell'audiolibro piu' altri inediti e alcune riletture dei REM, Bruce Springsteen, Elliott Smith, Beck, Nick Drake e Alex Britti (che è altresì il produttore del disco).

Ha suonato inoltre con Roberto De Simone, Enzo Gragnaniello, 99 posse, Marco Zurzolo, Antonio Onorato, Alex Britti, Glauco Mauri, Michele Placido, Gigi Finizio , Pietro  Tonolo, Rossana Casale, Lincoln Goines, Andrei Gouche, Alfredo Golino, Tollak, Fabio Accardi, Oitel Burbrige, Dominique Di Piazza, Garrison Fewell, Speaker CenZou, Eliot Zigmund, Senegal Ritmo, Luca Aquino, Jesper Bodilsen

Francesco Villani sarà accompagnato da Antonio De Luise e Sergio Di Natale. Francesco Villani: pianoforte//Sergio Di Natale: batteria//Antonio De Luise: basso//

 

OJF 2013 - LA DERIVA MANOUCHE - A Gianluca Bufis project

  • PDF

004LA DERIVA MANOUCHE

Swing And Other Experience 4et

La riscoperta delle sonorità tipiche della cultura gitana rappresenta l'elemento centrale del nuovo progetto proposto dal gruppo a corde di Gianluca Bufis con Antonio Cuomo (Chitarra), Isio Gallo (Chitarra) ed Eugenio Ascione (basso).

La DERIVA MANOUCHE è uno spettacolo basato su partiture originali inspirate al mondo della musica manouche, con particolare riferimento al lavoro del grande chitarrista Django Reinhardt, artefice indiscusso della più interessante miscela di 'tradizione gitana' ed 'innovazione jazzistica', oltre che autore di pagine indimenticabili della storia della letteratura chitarristica.

OJF 2013 - SLIVOVITZ in concerto

  • PDF

003Siamo nati nel settembre 2001 e da quel dì non abbiamo mai smesso di muoverci, crescere, cambiare forma e direzione sempre nel solco della musica strumentale intorno al jazz rock dai toni etnici. Il forte impatto Live denota un chiaro ascendente rock sulla sezione ritmica mitigato dalle innate capacità improvvisative dei solisti; il tutto fuso in strutture complesse che rimandano al jazz-rock più puro dei primi anni settanta ma con risonanze etniche dal mediterraneo all'area balcanica. Nevrotici, irrequieti e naturalmente tesi al movimento in questi anni, a partire da Napoli, abbiamo suonato in tutta Italia e abbiamo toccato l'Ungheria (Budapest Sziget Festival, Debrecem, Veszprem, Ocs...), la Spagna (Barcellona), la Serbia (Nisville Jazz Festival , Belgrado..), la Germania (Berlino) e l'Austria (Mumyuha Festival Hochneukirchen). Con la formazione originale (Domenico Angarano – basso, Stefano Costanzo – Batteria, Derek Di Perri – Armonica, Marcello Giannini – Chitarre, Pietro Santangelo – Sassofoni, Riccardo Villari – Violino) abbiamo registrato il nostro primo omonimo disco tra il 2004 ed il 2005, editi da Ethnoworld (Milano). Arricchiti dalla presenza della voce di Ludovica Manzo è nato, al caldo dell'estate napoletana 2007, Hubris presso gli studi Megaride in cui spicca l'utilizzo "strumentale" della voce. L'ultimo lavoro "Bani Ahead", che vede la presenza di Salvatore Rainone alla batteria e di Ciro Riccardi alla tromba, si presenta più compatto ed omogeneo rispetto ai precedenti. Otto tracce registrate in aperta campagna allo Zork Studio (Buccino SA) da Daniele Chiariello e missate a Sorrento da Peppe de Angelis con apparecchiature vintage, dal carattere spiccatamente rock e dalle sonorità analogiche, mai libere dalle influenze etniche che da sempre ci contraddistinguono. Importante ruolo svolge in questo lavoro, registrato interamente dal vivo in studio, la presenza di momenti di improvvisazione collettiva con forti virate verso il jazz più contemporaneo.