CSA Depistaggio

Sunday, Jun 16th

Last update08:05:09 AM GMT

RSS Feed
You are here: Movimenti Val di Susa - NO TAV Ennesima rappresaglia contro i Notav. Arresti e misure cautelari

Ennesima rappresaglia contro i Notav. Arresti e misure cautelari

  • PDF

 

la valle non si arresta
Alle prime ore dell'alba, è scattata l'ennesima operazione da parte della Procura di Torino nei confronti di attivisti notav, il prodotto di un grottesco teatrino che tende a ripetersi. 17 persone, molte delle quali del comitato di lotta popolare di Bussoleno, sono state prelevate stamattina dalle loro abitazioni per essere condotte in questura, dove si trovano tutt'ora. 8 i domiciliari, 4 i provvedimenti di obbligo di non dimora a Torino e 5 obblighi di firma. Tra i capi d'imputazione violenza, minacce, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, accensione ed esplosione pericolose. L'operazione scattata quest'oggi si riferisce all'occupazione degli uffici della GeoValsusa a Torino avvenuta il 24 agosto 2012. Nei mesi precedenti il movimento notav infatti aveva reso pubblico un dossier all'interno del quale si indagavano le ditte e i personaggi che sono implicati nella costruzione della linea ad alta velocità, tra cui alcuni soci della Geovalsusa, complice della devastazione e della militarizzazione del territorio della Val Susa. La campagna contro le ditte complici guidate da interessi affaristici e con brama di riempirsi le tasche con denaro pubblico, aveva portato a numerose azioni tra cui quella dell'occupazione dei locali della Geovalsusa srl di Torino, evidentemente mal digerita da parte della questura, particolarmente infastidita quel giorno di agosto e completamente colta impreparata di fronte all'azione dei notav. Un'altra operazione, quella di oggi, che ne svela ancora una volta il tentativo ridicolo di indebolire il movimento. Non è probabilmente un caso che la questura muova le sue pedine a pochi giorni di distanza dalla manifestazione di Lione del 3 dicembre. Come sempre, rappresaglie di questo tipo non daranno l'effetto sperato da procura e questurini che vorrebbero più notav in carcere, più deboli e più vulnerabili. Ancora una volta, Sarà Dura, ma per loro.

Aggiornamento: alcuni carabinieri sono entrati da pochi minuti nel presidio di Chiomonte per porre i sigilli di sequestro. Intanto alle 11.30 si terrà a Palazzo Nuovo una conferenza stampa per gli arresti e le misure cautelari di questa mattina.


tratto da infoaut.org